Multiple…. Perché non giocarle!

By
Updated: Marzo 17, 2015

Perché i Bookmakers ci invogliano a giocare le multiple? Applicando bonus di tutti i tipi? e perché noi non dovremmo farlo?
Cercherò, con questa breve guida, di far capire perché non si dovrebbe giocare una multipla e come mai i bookmakers invece ci tengono tanto!!!

Spero che tutti sappiano logicamente che le quote sono realizzate in base alle statistiche, infatti ogni bookmakers crea le proprie quote a secondo delle probabilità che quell’evento si verifichi o meno.
Nel calcio per esempio si è sempre parlato di picchetti, cioè le probabilità statistiche sui segni classici del calcio e cioè 1 X e 2.

Esempio: Juventus – Genoa la vittoria della Juventus è quotata a 1,22 significa che la vittoria della Juventus è più probabile, e quindi puntando 10 euro se ne potranno portare a casa 12,2 (2,2 netti). Per conoscere la probabilità in termini statistici basta dividere 1 per la quota, poi moltiplicarlo per 100 per ottenere la percentuale. Quindi 1/1,22=0,66*100= 82% (approssimato)

Appreso questo concetto dobbiamo per forza di cose che il bookmakers quando offre le quote, deve guadagnarci in ogni situazione, quindi per andare avanti nella nostra disamina, dobbiamo implementare il concetto di “AGGIO

Cos’ è l’Aggio del banco (bbokmaker)? Sostanzialmente è la “commissione” che il bookmaker trattiene sul totale delle scommesse in modo da garantirsi un profitto.

In una situazione teorica, senza commissioni, un evento con probabilità del 50% come per esempio il lancio della monetina dell’arbitro, sarebbe quotato a 2 sia il segno croce che il segno testa, come è facilmente calcolabile (1/(50/100)=2). Come sappiamo la teoria si differenzia dalla pratica e in questo particolare esempio, se fosse stato quotato da un book le quote potrebbero essere 1.9 e 1.9 perché logicamente il book dovrebbe assicurarsi un guadagno indifferentemente dal risultato.

Arrivati a questo punto è chiaro che è nostro interesse conoscere quanto si trattiene il book per ogni mercato offerto e calcolare le commissioni è molto semplice.

Dobbiamo innanzi tutto convertire, come fatto all’inizio, le quote in percentuali.
Prendendo l’esempio di prima:

Juventus quota :   1.22 –  Probabilità (1/1.22)*100= 81.96%
Pareggio quota :   6 – Probabilità (1/6)*100= 16.66%
Genoa quota :        12 – Probabilità (1/12)*100= 8.33%

Sommando questi 3 risultati verrà fuori 106,95%. Dunque le quote per questa particolare partita hanno una commissione del 6.95%, che rappresenta appunto il profitto del bookmaker indifferentemente dall’esito finale della partita.

Come potete vedere il mercato reale si differenzia da quello teorico, in un mercato teorico dove nessuno ha vantaggio, questa somma doveva risultare 100%. I mercati reali purtroppo sono sempre oltre il 100%, di conseguenza sempre a vantaggio del book. Di solito questa percentuale si chiama “lavagna” in questo caso giochiamo appunto con una lavagna al 106,95%

Possiamo già iniziare a capire che già scommettendo su una singola, il book ha un vantaggio su di noi, detto appunto aggio.

E a quanto corrisponde l’aggio su una multipla? Più di quanto immaginate!!!

I motivi per cui i book insistono a pubblicizzare le multiple sono 2. La probabilità di vincita da parte nostra che si riduce esponenzialmente e il loro guadagno che invece cresce esponenzialmente.

Quando realizzate una multipla, ogni singolo evento che aggiungete, fa crescere l’aggio in maniera allucinante. Se per esempio giochiamo 5 partite con una lavagna al 106% dobbiamo moltiplicare i singoli “Aggi” sulle singole partite, esempio: 6 X 6 X 6 X 6 X 6 = 7776 %  di aggio del banco. Capite perché i book mettono tutti quei bonus sulle multiple e non vedono l’ora che voi le giochiate????? Bassissima probabilità di vittoria e aggio smisurato a loro vantaggio !!!!!!!!!!!!!!!

Dal punto di vista delle probabilità di prendere una multipla penso sia superfluo dire che più eventi si inseriscono, più difficile diventa beccarla, rispetto alla singola scommessa.

Esempio: Giocando una multipla con quattro partite (1X2), ho una sola possibilità su 81 di vincere (per calcolare le combinazioni basta elevare i segni e quindi 3 al numero di partite quindi 4 , in pratica 3*3*3*3=81), che in percentuale significa avere l’1,23% di possibilità di vincita.
Se giochi una multipla a 5 squadre addirittura hai una possibilità su 243, che in percentuale vuol dire lo 0,41% !!! E’ facilmente intuibile che più squadre si aggiungono, minore sarà la possibilità di vincita, quando invece con una singola ho sempre e comunque il 33% di possibilità.

Giocando le multiple, a lungo termine, la perdita è assicurata.

Scommettere contro un 2000% di Aggio a favore del banco e una probabilità dell 1-2% di prendere la multipla,  nel lungo periodo……. È ovviamente una cosa molto simile al suicidio !

Scommettere in singola, è la migliore cosa che può fare uno scommettitore per non buttare via i soldi , imparare a scommettere correttamente, senza arricchire i book!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *